Salta al contenuto
07/05/2018

Disponibile on-line il n.1/2018 del Bollettino P&L

PROVINCIA & LAVORO - Trimestrale di Informazione e Orientamento

In questo nuovo numero, oltre ad un breve riepilogo sull'andamento del mercato del lavoro locale nel 2017, vengono approfondite varie tematiche del lavoro.

vai al bollettino

L'editoriale
"Il processo di trasferimento dei Servizi per l'Impiego sta per terminare il suo iter con il definitivo passaggio all'Ente strumentale della Regione Veneto.
Questo dunque sarà l'ultimo numero di questa pubblicazione curato dalla Provincia di Rovigo sull'argomento “lavoro”.
Tutti i collaboratori se ne staccano con grande rammarico perché il Bollettino ha seguito tutto il percorso dei Servizi per l'Impiego provinciali.
In questi ultimi anni, a causa delle ristrettezze economiche, si è trasformato da cartaceo a digitale e, per tutti i suoi aspetti (ideazione dei numeri, redazione, impaginazione), a parte la storica e generosa collaborazione di Sergio Garbato, è stato affidato esclusivamente al personale interno, che se ne è occupato con grande soddisfazione ed entusiasmo. Spiacerebbe quindi “la fine della storia”.
Con l'auspicio che invece si possa proseguire in un ambito più ampio qual'è quello della Regione, salutiamo con simpatia i nostri lettori, ringraziandoli di averci accompagnato sino ad oggi.
Veniamo ora agli argomenti del Bollettino, che nel 2018 apre nel segno della continuità. Prosegue infatti il ciclo di storie professionali di successo che vedono come protagonisti i polesani che si stanno distinguendo per l'originalità dell'occupazione scelta o “inventata”. In questo numero intervistiamo Silvia Lonardo, che trasferitasi in Polesine per motivi familiari, ha creato un blog di grande successo, “Cosedamamme”, conciliando perfettamente vita familiare e lavorativa.
Segue un bilancio dei due progetti Garanzia Giovani e Garanzia Adulti, che si sono svolti nella provincia di Rovigo nel 2017, finanziati dalla Regione Veneto, con l'obiettivo di realizzare interventi di politica attiva rispettivamente per i giovani under 29 e per gli over 50. Il bilancio evidenzia la forza della capillare rete territoriale attivata per ottimizzare i risultati, rete che ha visto i diversi soggetti operare in sinergia nelle diverse fasi e azioni progettuali.
Come da consuetudine, il Bollettino pubblica, quindi, i dati relativi all'andamento del mercato del lavoro polesano: dagli indicatori Istat 2017 sulla forza lavoro, non emergono differenze sostanziali rispetto al 2016, se non una flessione per l'occupazione maschile e dei piccolissimi miglioramenti per le donne; in generale i vari tassi provinciali risultano essere migliori rispetto alla media nazionale ma continua a permanere un evidente gap con il Veneto soprattutto per quanto riguarda la componente femminile. Più positivi, invece, i dati amministrativi sui movimenti occupazionali che confermano anche nel 2017 il recupero di parte dei posti di lavoro persi a causa della crisi, un recupero però non ancora completato a differenza di quanto già avvenuto in Veneto.
Viene quindi dato spazio a due importanti convegni svoltisi a Rovigo.
In marzo è stata la volta del 12° convegno nazionale sulle aree fragili, quest'anno centrato sul tema “Scambi anomali. I mercati 'nested' per le aree rurali fragili”. Ad anticiparlo un focus “territoriale” sul tema con il convegno 'locale' “Produttori, trasformatori e gruppi d’acquisto polesani alla prova dei mercati nested”, dove è stata portata la testimonianza di alcune imprese virtuose del territorio, esempio di attività sostenibili dal punto di vista socio – ambientale.
In gennaio si è invece svolto a Rovigo l'annuale convegno sociopolitico organizzato dalla Diocesi di Adria – Rovigo, che nel 2018 ha affrontato il tema “Giovani e lavoro”, focalizzando l'attenzione su “un nuovo stile di agire economico per dare futuro alle nuove generazioni”.
Il Bollettino chiude, come di consueto, con un'apertura sugli aspetti culturali della nostra provincia.
Un articolo guarda alla vitalità ed utilità della lingua latina, non in contrapposizione con la cultura tecnica e scientifica, ma anzi in necessario affiancamento ad essa.
Infine viene pubblicato l'annuale rapporto sulla pubblica lettura in Polesine, desunto dai dati raccolti ed elaborati dalla rete del Sistema Bibliotecario Provinciale di Rovigo."

vai al bollettino

Valid XHTML  Valid CSS